Home / Food  / Giardini dell’Alta Tuscia

Giardini dell’Alta Tuscia

Una giornata nell'Alta Tuscia, alla scoperta di luoghi nascosti tra Lubriano, Bagnoregio e Vaiano

a1

Una giornata nell’Alta Tuscia, alla scoperta di luoghi nascosti tra Lubriano, Bagnoregio e Vaiano…questi luoghi svelano giardini magici, incantati e ricchi di arte, meravigliosi per gli occhi e per il cuore. I giardini dell’Alta Tuscia sono una vera scoperta, che mi ha avvicinato al mondo delle piante. La prima tappa della giornata è stata a Bagnoregio, presso il giardino del convento delle suore della Fraternità SS. Vergine Maria. Qui l’amore che le suore mettono nel giardino è tangibile in ogni angolo. La loro cura e dedizione si percepisce da come ci raccontano delle varie piante, da dove vengono e chi le accudisce. Qui l’arte si respira ovunque, le suore infatti cantano il canto  gregoriano e polifonico, insegnano musica e creano delle splendide statuine dipinte a mano per i presepi. La loro accoglienza è molto piacevole. Il loro convento è molto particolare, merita sicuramente una visita il chiostro, un luogo di pace e meditazione lontano dalla confusione dei turisti.

giardino-lubrianoxf

Per pranzo, a Bagnoregio, vi consiglio il wine bar Magna Civita, davvero ottimo. Qui potrete degustare delle ottime birre artigianali abbinate a  salumi locali prodotti da aziende del territorio. Un luogo ideale per una sosta a Bognoreggio a pranzo o per una aperitivo. Vi consiglio i vini locali, molto buoni e di qualità, provenienti dalle aziende della zona come Villa Puri e Sergio Mottura.

2

1

Nel pomeriggio abbiamo visitato La Vigna di Villa Tirrena, a Vaiano, poco distante da Bagnoregio. Lo splendido giardino dei coniugi D’Amico è una commistione di arte, cultura e viaggi. Situato sulla valle dei calanchi questo giardino è un vero e proprio museo di arte contemporanea a cielo aperto. Le sale del museo vengono ricreate dalle siepi e dai dislivelli, che si snodano in un percorso entusiasmante e coinvolgente. Si respirano profumi esotici, che fanno viaggiare la nostra mente oltreoceano. La storia dei coniugi D’Amico ha origini tra l’Europa e l’America e questo mix di culture si ritrova anche all’interno della villa, arredata in stile brasiliano e portoghese. All’interno della villa, che affaccia sulla valle dei calanchi, la cantina è un luogo di grande effetto. La sua struttura in tufo e la sua posizione mantiene la temperatura ideale di 16°. La cantina è divisa in due parti, la più antica, in tufo, dove il vino riposa in botti di legno di rovere  e la più nuova, dove il vino viene imbottigliato ed etichettato. Sedersi nel salottino della cantina per degustare un calice di Falesia ascoltando l’Aida di sottofondo è un’esperienza indimenticabile, che ci fa vivere la magia di questo luogo.

Per maggiori informazioni sulle visite dei giardini potete contattare Promotuscia.

a1 a2 a3 b2a4 b  cantine-vaiano

kpiscina-in-villaville-d-autoregiardino-d-autore

 

 

 

antheafashionblog@gmail.com

Review overview
NO COMMENTS

POST A COMMENT